REGOLAMENTO

Capitolo 1
MODALITA’ DI AMMISSIONE
a) Chiunque desideri fare parte del Circolo, deve compilare l’apposito modulo. Le domande di ammissione alla categoria Juniores dovranno essere controfirmate da un genitore del richiedente o da chi ne fa le veci. Il Consiglio Direttivo è giudice inappellabile sulla ammissione o meno del candidato.
b) Il nuovo Socio, dovrà provvedere al pagamento presso la Sede Sociale delle quote di associazione relative all’anno in corso. L’impegno assunto dal nuovo Socio nei confronti della Società è disciplinato dall’art. 19 e seguenti dello Statuto Sociale. 

Capitolo 2
ESAZIONE DELLE QUOTE
Le quote di associazione stabilite dal Consiglio Direttivo dovranno essere pagate in una unica so-luzione entro il 31 gennaio di ogni anno. Trascorso tale periodo, in presenza di mancato pagamento totale o parziale, il Consiglio Direttivo inviterà il Socio all’adempimento dei suoi obblighi verso il Circolo ed in ogni caso lo stesso perderà ogni diritto sociale fino a che non sia stata regolarizzata la sua posizione. 
Gli eventuali contributi straordinari deliberati dall’Assemblea Generale e la quota individuale della F.I.T., dovranno essere corrisposti unitamente al pagamento della quota annua di associazione. L’entità delle quote di associazione per le varie categorie di Soci, degli eventuali contributi straor-dinari e delle eventuali agevolazioni per familiari, sono a disposizione dei Soci presso la sede del Club Ristorante Pizzeria Alpina di Norcen e Bar Tennis Pedavena. 

Capitolo 3
ACCESSO ALLA SEDE SOCIALE
L’accesso alla sede sociale è consentito a tutti ma la priorità nelle prenotazione dei campi e le tariffe sociali spettano solo:
– ai soci in regola con i pagamenti delle quote; 
– ai figli dei soci fino all’età di 10 anni purché accompagnati dal genitore socio.

Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di riservare il trattamento previsto per i soci o comunque consentire gratuitamente l’accesso ai campi e l’utilizzo degli altri servizi nelle disponibilità del Club, ad autorità e personalità che vengano ritenute di particolare prestigio per il Circolo. L’uso della Sede per feste organizzate dai Soci o per altre manifestazioni è regolato dal Consiglio Direttivo.

Capitolo 4
DISPOSIZIONI GENERALI: FREQUENTAZIONE
– E’ fatto divieto di utilizzo dei telefoni cellulari all’interno dei campi da gioco, fatta eccezione per i soci medici che potranno/dovranno essere sempre reperibili.
– Fermo restando quanto disposto nel successivo capitolo N. 5, è fatto divieto di fumare nei locali in cui è esposto apposito avviso di divieto.
– Biciclette e motocicli dovranno essere parcheggiati, per ragioni di sicurezza, nelle zone all’uopo destinate: i motocicli in prossimità dei campi da gioco dovranno essere condotti a mano o co-munque a motore spento. 
– Il Circolo non assume alcuna responsabilità per il danneggiamento o furto di valori, oggetti perso-nali ed altre cose mobili di proprietà dei Soci e loro invitati che vengono introdotti o lasciati nei locali dell’Associazione.
– Il Socio è responsabile per danni alle cose, alle attrezzature, agli arredi e al personale del Circolo, che siano provocati da esso o dai suoi invitati.
– I Soci che non osservano le norme del Regolamento sono passibili delle sanzioni disciplinari di cui al paragrafo “Provvedimenti disciplinari”.

Capitolo 5
DISPOSIZIONI PARTICOLARI PER FREQUENTAZIONE SEDE E UTILIZZAZIONE STRUTTURE.
a)NELLE AREE SOCIALI SEDE E GIARDINI
E’obbligatoria la frequentazione in abiti decorosi. I bambini devono essere accompagnati dai geni-tori che saranno responsabili del loro comportamento. E’ fatto obbligo di rispettare la raccolta differenziata dei rifiuti usando i cestini o i raccoglitori predisposti allo scopo. 

b)BAR
E’ consentito sostare con la tenuta da tennis completa, in ordine e asciutta al Bar e negli altri luoghi di pertinenza del Club. In tenuta da gioco nell’immediato dopo partita, è consentito un rapido utilizzo del Bar. Gli orari di apertura e di chiusura del Bar Tennis e Ristorante Pizzeria Alpina di Norcen sono stabiliti dai rispettivi proprietari.

c)SPOGLIATOI
Negli spogliatoi E’ VIETATO FUMARE. In generale dovranno essere osservate le buone norme di igiene e di buon ordine degli effetti personali. Nel rispetto dell’ambiente i Soci devono utilizzare le docce nel minor tempo possibile, senza lasciar scorrere fiumi di acqua potabile. Deve essere rispettata la suddivisione dei locali per le Signore ed i Signori Soci come stabilito dalla direzione ed esposto all’esterno dei rispettivi locali. 

d)CAMPI DA TENNIS
Tutti i campi da tennis del Club sono di proprietà della Birreria S.r.l. e Ristorante Pizzeria Alpina di Norcen, che hanno la facoltà di farne uso, in circostanze eccezionali, per le proprie esigenze orga-nizzative, anche senza un debito preavviso ai Soci. Le quote campo eventualmente versate all’atto della prenotazione saranno rimborsate.

I campi sono assegnati a turno, a richiesta dei Soci, dal personale addetto, con le seguenti modalità:
– Il costo della quota gioco viene stabilito periodicamente dai proprietari dei campi previo parere del Consiglio Direttivo che comunque non è vincolante e comunicato ai Soci mediante avviso affisso in bacheca o sull’apposito sito internet.
– La durata di ogni turno è di 55 minuti per il doppio e per il singolo, al termine dei quali ai Soci viene richiesto di sistemare il campo in terra per il turno successivo.
– E’ permesso il gentlemen’s agreement fra i Soci per terminare la partita in corso.
– Qualora il campo fosse disponibile per il turno successivo, i Soci che volessero terminare la partita dovranno corrispondere le seguenti quote campo:
1 – Metà quota dal decimo al trentesimo minuto del turno successivo
2 – L’intera quota dal trentunesimo minuto al termine del turno. 
– In caso di richieste contemporanee hanno la precedenza quelle dei Soci che non hanno ancora giocato nella giornata.

– Se per l’ora fissata i soci richiedenti non saranno presenti, avranno il diritto all’uso del campo solo per quel turno e nessun diritto di precedenza potranno vantare per i turni successivi.
– In caso di particolare affluenza e poca disponibilità di campi, ci si rivolgerà alla responsabilità dei Soci perché disputino incontri di doppio.
– Gli orari e i campi riservati per gare o allenamento dell’attività agonistica sono stabiliti dal Consiglio Direttivo.
– Il Consiglio Direttivo ha facoltà di decidere l’organizzazione sia di tornei interni fra Soci sia dei tornei F.I.T.

Campi coperti
In generale valgono le stesse disposizioni dei campi scoperti. Fanno eccezione quelli con copertura sintetica o in cemento dove la durata del turno diventa di effettivi 60 min. Su questi ultimi potranno essere utilizzate scarpe da ginnastica/calcetto, sempre e comunque senza tacchi, sbarrette o chiodi di qualsiasi genere. Oltre a questo sarà dovuta, se usufruita, la quota per il riscaldamento del campo. In caso di gare invernali il Consiglio Direttivo ha la facoltà di usufruire dei campi per la disputa delle stesse, avvertendo i Soci con congruo anticipo.

Calcetto
Alcuni campi da tennis potranno essere adibiti anche per giocare a calcetto. La quota di gioco verrà stabilita dai proprietari delle Strutture. E’ facoltà del Consiglio Direttivo mettere a disposizione uno o più campi per la disputa di tornei di calcetto. Si permette l’accesso al circolo ai giocatori di calcetto senza oneri di quote associative, purché si attengano scrupolosamente al presente regolamento; i giocatori saranno responsabili del proprio comportamento e degli eventuali danni causati alle strut-ture del circolo.

Agibilità dei campi
In caso di maltempo o rifacimento e manutenzione dei campi, l’agibilità degli stessi verrà stabilita dalla Direzione. Il personale addetto è tenuto a far rispettare rigorosamente tali disposizioni. Eventuali trasgressori verranno segnalati al Consiglio Direttivo. Il Circolo non si assume alcuna responsabilità per eventuali incidenti che dovessero capitare, per l’uso non autorizzato dei campi dichiarati inagibili.

Capitolo 6
PRENOTAZIONI
I campi possono essere assegnati ai Soci ordinari mediante prenotazione con preavviso massimo settimanale. Per la prenotazione non è necessaria la presenza fisica. Il Socio è tenuto a versare la quota campo al termine del turno usufruito. Il Socio sarà esentato dal pagamento della quota campo solo se disdice la prenotazione avvisando gli addetti del Club ventiquattro ore prima del turno di gioco o se comunque il campo viene occupato da altri. Sono in ogni caso vietate numerose prenotazioni di ore a lungo termine tali da recare pregiudizio alla normale attività degli altri soci,. Gli addetti hanno inoltre facoltà di spostare le prenotazioni da un campo all’altro ogni qualvolta si renderanno necessari aggiustamenti per ottimizzare l’uso degli stessi. L’ingresso al campo può comunque essere inibito per motivi tecnici o di sicurezza in qualsiasi momento dagli addetti che comunque si impegneranno, salvo impedimenti di forza maggiore a garantire la prenotazione utilizzando le altre disponibilità.

Capitolo 7
TENUTA DA GIOCO
– Per accedere ai campi da gioco è obbligatorio un abbigliamento da tennis decoroso.
– Le scarpe devono avere la suola adatta ai campi in terra battuta (senza tacchi, sbarrette o chiodi i qualsiasi genere). 
– E’ vietato giocare a torso nudo o in canottiera.

Capitolo 8
PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI
a) Il Consiglio Direttivo, previo accertamento, commina ai Soci che si siano resi responsabili di mancanze nei confronti del Circolo o di suoi organi o addetti o che abbiano comunque arrecato a questi un danno morale o materiale o che abbiano violato lo Statuto Sociale o i regolamenti, le seguenti sanzioni disciplinari: ammonizione, sospensione a tempo determinato, radiazione dal Circolo.
b) In caso di urgenza il Presidente o in sua assenza il Vice-Presidente, sempre previo accertamento, può adottare il provvedimento di sospensione immediata e provvisoria, che ha efficacia fino alla delibera del Consiglio Direttivo, di cui al punto a).
c) La Direzione è competente a svolgere gli accertamenti e le indagini relative alle trasgressioni commesse dai Soci, previa contestazione specifica ai medesimi a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento. Nel caso si tratti di Socio Juniores la contestazione è fatta anche al geni-tore o a chi ne fa le veci. La Direzione deve invitare l’interessato a presentare le opportune deduzioni scritte o in alternativa sentirlo. In caso di minorenne deve essere ascoltato anche l’esercente la patria potestà. Nel caso in cui l’interessato, nonostante la regolare convocazione, non si presenti senza giustificato motivo, la Direzione procede in sua assenza.
d) Le deliberazioni del Consiglio Direttivo, relative ai provvedimenti previsti da questo titolo sono adottate a maggioranza assoluta. In caso di osservazioni scritte, il Consiglio Direttivo si riunisce senza indugio per valutare e decidere le eventuali sanzioni disciplinari da adottare, sempre a maggioranza assoluta. Il provvedimento, che commina sanzioni disciplinari è reso pubblico solo ed esclusivamente nell’ambito della Sede Sociale e nella misura strettamente indispensabile per la sua finale esecuzione.
e) Al Socio sospeso o radiato non saranno rimborsate le quote di associazione.
f) Il Socio radiato non può essere riammesso a far parte del Circolo. Il suo nome viene comunicato alla FIT.

Capitolo 9
DISPOSIZIONI VARIE
Tutte le comunicazioni ai Soci vengono fatte, di massima, mediante affissione di avvisi in bacheca, sul sito Internet o via E-mail. Il Direttore del Circolo e le persone da questo incaricate devono far rispettare le norme di questo Regolamento, nell’ambito delle direttive impartite dal Consiglio Diret-tivo. I Soci devono astenersi dall’impartire al personale dipendente ed ai collaboratori del Circolo, istruzioni di qualsiasi genere. Ogni eventuale rilievo dovrà essere fatto mediante il Direttore del Circolo. I Soci, nell’interesse e nel rispetto proprio e altrui, sono cortesemente e vivamente pregati di mantenere ordine e decoro negli ambienti che frequentano.

Pedavena, Gennaio 2011
Il Consiglio Direttivo